AGGIORNAMENTO BOLLINO CALDAIA “news”

1 – Quindi, per gli impianti di casa, il controllo di efficienza energetica (o prova fumi, bollino blu) per impianti alimentati a combustibile liquido o solido (gasolio, pellet, legna) deve essere effettuato ogni due anni mentre per quelli alimentati a gas (metano o gpl) ogni 4 anni. 

2 – In genere il costo può oscillare dai 150€ ai 200€ compresa l’attività di revisione e manutenzione caldaia, controllo dei fumi e la certificazione finale con il Bollino blu. Se devi fare solamente il bollino (cosa sconsigliata) il costo del Bollino blu può andare dai 30€ ai 70€.

3 – È obbligato a richiedere il rilascio del bollino blu (e a eseguire i controlli previsti dalla legge) il responsabile dell’impianto termico. Per la legge il responsabile è il proprietario dell’immobile o, in caso questo fosse oggetto di un contratto di locazione, colui che abita in quell’edificio.

4 – Il controllo va attuato obbligatoriamente ogni 1, 2 o 4 anni, a seconda del tipo di impianto che si possiede e del combustibile utilizzato. Per quanto riguarda gli impianti termici a combustibile solido o liquido, con potenza superiore a 100 kW, infine, il controllo va effettuato ogni anno.

5 – Effettuare la revisione periodica della caldaia è diventato oggi più complicato e costoso di quella dell’automobile. … Per chi omette di revisionare la caldaia del proprio appartamento o del condominio scattano sanzioni che vanno da un minimo di 500 a un massimo di 3.000 euro per violazione di norme sulla sicurezza.

6 – Il libretto impianto viene rilasciato dal centro tecnico di assistenza autorizzato e riconosciuto ad effettuare i controlli di efficienza energetica. Il bollino blu certifica che il controllo di manutenzione sull’efficienza sia stato eseguito a norma di legge.

7 – Colui che si deve occupare della compilazione del libretto è il responsabile dell’impianto, cioè il proprietario o l’amministratore del condominio, oppure un eventuale terzo designato da una delle due figure precedenti. In caso di unità immobiliari singole, a compilare il libretto ci penserà l’occupante.

8 – Col termine “manutenzione straordinaria” si identificano, dunque, tutti gli interventi che servono per ripristinare il corretto funzionamento della caldaia dopo il verificarsi di un problema o di un danneggiamento (come ad esempio la sostituzione di pezzi, la sostituzione della stessa caldaia, …)

9 – Obbligo di Cambiare Caldaia a Condensazione: cosa dice la legge? Il 26 settembre 2015 è stato il giorno in cui in Italia, come obbligo di legge, è stato imposto di non immettere più sul mercato caldaie al di fuori di quelle a condensazione.

10 – Le opere di manutenzione ordinaria, così come i piccoli interventi di riparazione dovuti a un uso quotidiano e che quindi causano un deterioramento del prodotto, spettano all’inquilino. Sempre a suo carico sono le spese di accensione stagionale della caldaia e di messa a riposo al termine della stagione invernale.

11 – manutenzione straordinaria dellimpianto termico sono gli interventi atti a ricondurre il funzionamento dellimpianto a quello previsto dal progetto e/o dalla normativa vigente mediante il ricorso, in tutto o in parte, a mezzi, attrezzature, strumentazioni, riparazioni, ricambi di parti, ripristini, revisione o …

12 – In sintesi, la manutenzione ordinaria è un’attività per mantenere in efficienza struttura, impianti e infissi. La manutenzione straordinaria, invece, riguarda le operazioni per riqualificare in modo sostanziale la dimora con modificare anche evidenti di mura, soffitto e sezioni strutturali della casa.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 74 

13 – Regolamento recante definizione dei criteri generali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici per la climatizzazione invernale ed estiva degli edifici e per la preparazione dell’acqua calda per usi igienici sanitari, a norma dell’articolo 4, comma 1, lettere a) e c), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192. (13G00114) (GU Serie Generale n.149 del 27-06-2013)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CODICE SICUREZZA * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.