Vai al contenuto

Riello Domus KV 31 – Anomalia in modalità invernale

Home Forum CALDAIE MURALI Riello Domus KV 31 – Anomalia in modalità invernale

Visualizzazione 1 filone di risposte
  • Autore
    Post
    • #6623
      AleArz
      Partecipante

      Buongiorno a tutti,
      sono il nuovo proprietario di una abitazione disposta su 3 piani, ad ogni piano c’è una scatola idraulica a collettore, ogni scatola ha una valvola di zona, ognuna collegata elettricamente al suo cronotermostato a parete Perry CR011B.
      La caldaia è una Riello Domus KV 31, risalente ai primi anni 2000, che poggia per terra, ha una sua stanza termica dedicata, alla quale è sempre stata fatta manutenzione. Funziona perfettamente, fornisce acqua calda nei bagni e nei termosifoni di ogni piano, su precisa richiesta di ogni cronotermostato, però presenta forse qualcosa di atipico, quando viene selezionata la modalità inverno piuttosto che la modalità estate.
      Cerco di spiegarmi meglio, non essendo pratico del mestiere: quando la caldaia è in modalità estate (solo acqua calda sanitaria), resta sempre totalmente silenziosa, tranne quando si apre un rubinetto qualsiasi nei bagni o nella cucina, poiché entra in funzione scaldando l’acqua richiesta, dopodiché torna dormiente e totalmente silenziosa. Quando invece è in modalità inverno, entra immediatamente in funzione e rimane sempre attiva, producendo un fastidioso rumore “UUUUUUUU”, sempre alla stessa frequenza con rare fluttuazioni di tono, che risuona e rimbomba attraverso le tubazioni dei termosifoni. Ciò avviene anche, per esempio durante tutta la notte, anche se nessuno dei tre cronotermostati richiede l’aumento di temperatura nei termosifoni.
      Ho parlato con il tecnico che ha appena effettuato la manutenzione annuale alla caldaia, mi ha detto che quel tipo di caldaia mantiene sempre dell’acqua calda in circolo all’interno delle tubazioni, anche con bruciatore inattivo, la sua soluzione proposta, per parlare, non essendo pratico di impianti elettrici, sarebbe quella di chiamare un elettricista per far mettere i tre cronotermostati “in parallelo” alla caldaia, in modo tale che quest’ultima entri in funzione solo dopo un’effettiva richiesta da parte di uno di essi, o di un lavandino/doccia/bidet, ma nutro qualche dubbio in quanto mi sembra un lavoro molto ridondante in termini di tempi e costi.
      Al momento abbiamo risolto il problema fisicamente spingendo il pulsante modalità estate/inverno sulla caldaia prima delle ore notturne ed al risveglio, per evitare quel continuo “UUUU” che si propaga attraverso i termosifoni, (specialmente due piccoli termo arredo presenti al piano terra ed al piano 2), ma diventa un po’ noioso e sono sicuro che si possa trovare un’altra soluzione..
      Ascoltando bene la fonte del rumore, che si amplifica attraverso le tubazioni dei radiatori in tutti i tre piani dell’abitazione, cercando di capire cosa lo generi, mi sembra (e sottolineo sembra) provenire da una pompa circolatore interno alla caldaia. Ne ha due, io non so giustamente quale dei due sia quello per il circuito dei termosifoni, ma i due modelli sono un Riello RMY30-15C-H (RPM:1250 W:40 A:0.19, RPM:1750 W:62 A:0.32, RPM:2250 W:83 A:0.38) ed un Riello RMY53-15N (W:46, W:67, W:93 A:0.40), entrambi i circolatori sono impostati sul valore 3, cioè al massimo della potenza disponibile.
      Secondo voi, potrei avere qualche miglioramento semplicemente riducendo il valore della pompa del circolatore dell’acqua dei termosifoni da 3 a 2? Se non sbaglio, quando si ha una risonanza acustica costante su una stessa frequenza, c’è una qualche forma di rapporto tra la velocità del flusso idraulico e la sezione del condotto, quindi forse in questo caso il numero di giri al minuto del circolatore è un multiplo/sottomultiplo della sezione dei tubi e, semplicemente, entrano in risonanza.
      Scusate il messaggio molto prolisso, ma non sono del settore e ho cercato di fornire più dettagli possibili.
      Grazie a chiunque mi aiuterà.

    • #6628
      ADMIN
      Amministratore del forum

      Buongiorno,
      nel suo caso e dalle sue indicazioni, in acqua calda sanitaria (modalità/estate) il problema non si pone; ossia il rumore non si sente. Il fatto che l’ipotetico ‘circolatore’ incriminato che potrebbe trasmettere il rumore, una volta posizionato alla seconda velocità, sicuramente “potrebbe” diminuire la potenza, la portata e forse anche l’eventuale “UUUUU”. Altra causa che potrebbe generare questo tipo di rumori è dovuto al fatto che sono installati – tra la caldaia e l’impianto termico interno – dei flessibili in acciaio estensibili detti anche “Jolly Flex” i quali vibrano con il passaggio del fluido termovettore al suo interno.

      Un altra possibilità è la seguente: i cronotermostati aprono le valvole di zona delle diverse zone (piani) e fin qui sarebbe tutto abbastanza normale; ma i ‘crono’ potrebbero aprire la zona senza dare il consenso al TA della caldaia. In questo caso quando lei seleziona la modalità inverno, il circolatore del riscaldamento si mette in moto (in assenza di richiesta ACS) ma trova poi le valvole di zona chiuse…

      – Osservando lo schema seguente ci sono i due circolatori uno per acqua calda sanitaria (acceso solo fino a quando il bollitore di accumulo è caldo, oppure in eventuali richieste di ACS) e quello del riscaldamento acceso solo quando il TA della caldaia chiude a causa del consenso ricevuto dai cronotermostati. Considerando sempre che l’acqua calda SANITARIA ha sempre la precedenza sul riscaldamento: quando il riscaldamento è acceso e facciamo una richiesta in acqua calda sanitaria – in automatico – il riscaldamento viene escluso.

      La caldaia da lei indicata, se con il bollitore, potrebbe avere anche l’uscita del ricircolo dell’acqua calda sanitaria, sempre se nel suo impianto sia predisposto.

      ACS = acqua calda sanitaria
      TA = termostato ambiente

      Saluti

Visualizzazione 1 filone di risposte
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.